Fitostimoline crema: a cosa serve

0

La fitostimoline crema è un farmaco a base di estratto acquoso di Triticum vulgare e di Fenossietanolo, l’associazione di questi differenti principi attivi, che sono importanti cicatrizzanti e antisettici, rendono questo prodotto altamente versatile. Vediamo da vicino che cos’è la Fitostimoline crema, a cosa serve.

Il meccanismo d’azione della fitostimoline crema

Scendiamo nel dettaglio e cerchiamo di capire bene, innanzitutto, quali sono le sue componenti. L’estratto acquoso di Triticum vulgare, ad esempio, si ottiene dalle germe di frumento.

Ha una consistenza tale, contrassegnata dalla presenza di ammidi, fosfolipidi e glicolipidi, che gli permette di generare un film protettivo sulla parte superficiale della cute atto ad evitare la perdita di liquidi e contemporaneamente attirare le cellule fibroblastiche che hanno il compito di sintetizzare le fibre di collagene, a cui è affidata la responsabilità del processo di cicatrizzazione.

Il Fenossietanolo ha la capacità di legare la parete dei batteri, riuscendo ad alterare l’ordinaria struttura e compromettendone così le abituali capacità sia vitali che riproduttive, compiendo in ultima analisi una buona attività antisettica. Spiegato questo, risulta semplice capire a cosa serve la Fitostimoline crema. Ottimo per trattare ulcere e piaghe da decubito, per una più veloce cicatrizzazione. Accelera il processo riparativo tessutale quando ci si trova davanti ad

  • Abrasioni da sfregamento,
  • Ragadi,
  • Ritardi nella naturale cicatrizzazione delle ferite,
  • In presenza di sindromi eczematose e psoriasiche.

Trova ancora ampio uso nell’applicazione sul viso, soprattutto nei casi in cui la pelle appaia molto secca, oppure sulla bocca, utilizzata come crema emolliente, per diminuire il malessere generato da screpolature e piccoli tagli.

Fitostimoline crema è un farmaco da banco, si può tranquillamente comprare in farmacia senza la ricetta del medico curante ed è disponibile non solo in crema ma anche in comode garze impregnate (4 g di crema ciascuna), ottime queste ultime quando è indispensabile coprire e riparare una parte, evitando però che la garza si attacchi alla ferita aperta.

In linea generale possiamo dire che 100 g di Fitostimoline crema contengono il seguente principio attivo:

  • Estratto acquoso di Triticum vulgare (un residuo secco pari a circa 200 mg/100 ml) 15 g.
  • Eccipienti: alcool cetilico e alcool stearilico.

Applicazione della Fitostimoline crema

Il trattamento con Fitostimoline crema comporta almeno 2 applicazioni di crema al giorno. Queste, chiaramente variano in base all’entità, all’estensione e all’ubicazione stessa della ferita. Solitamente si procede con lo spalmare, quasi massaggiare, la crema sulla parte interessata per farla assorbire, altre volte invece è opportuno ricoprire totalmente la parte interessata seguendo le modalità di applicazione consigliate. La crema comunque, totalmente idrodispersibile, non lascia alcun residuo.

Anche nel caso in cui si usino le garze impregnate è opportuno cambiarle 1 o 2 volte al giorno, stando attenti di applicarla sempre nella zona interessata ben detersa e disinfettata.

Cosa sapere sulla Fitostimoline

fitostimoline crema

fitostimoline crema

Prima di iniziare ad usare la Fitostimoline è opportuno parlarne con il proprio medico curante per valutare in maniera opportuna e senza fraintendimenti l’entità stessa della lesione in questione e soprattutto gli opportuni e necessari accorgimenti terapeutici da avviare.

L’uso topico, ovvero l’applicazione diretta del farmaco sulla parte malata, su ampie zone cutanee o per periodi specialmente lunghi, può portare all’insorgere di reazioni a livello locale o gravi dovute a fattori di ipersensibilità.

Inoltre, si raccomanda di conservare questo prodotto farmaceutico in un luogo fresco e asciutto e soprattutto fuori dalla portata dei bambini. Interazioni con altri farmaci: ricorda di non usare Fitostimoline crema o le garze imbevute contemporaneamente ad altri farmaci per via topica.

Per quanto riguarda le mamme in dolce attesa e quelle che stanno già allattando, si sconsiglia l’uso della fitostimolina, così come in realtà, in queste delicate fasi e a salvaguardia del bambino, generalmente si scoraggia l’uso di qualsiasi tipo di farmaco. In casi di estrema necessità e sotto la stretta sorveglianza del medico è consentito l’utilizzo.

Controindicazioni, effetti indesiderati e collaterali

Chiaramente come per tutti i farmaci esistono delle controindicazioni e/o degli effetti indesiderati o collaterali. In particolar modo l’utilizzo della Fitostimoline è controindicato nei soggetti che presentano

  • Ipersensibilità al principio attivo,
  • Ipersensibilità ad uno dei suoi eccipienti.

In linea generale, questo farmaco è sicuro e ben tollerato. Questo vuol dire che solo in rari casi vi sono state reazioni avverse locali, ordinariamente caratterizzate da irritazione e bruciore della parte interessata.

Conservazione del prodotto

Fitostimoline 15 % Crema è un prodotto che va conservato ad una temperatura non superiore i 30°C. Anche le Fitostimoline 15 % Garze impregnate devono essere conservate ad una temperatura non superiore a 30°C.

About Author

Leave A Reply