Dermatite seborroica: cos’è, rimedi, cause e sintomi

0

Spesso la cosiddetta dermatite seborroica assume le sembianze dell’acne rosacea, una malattia della cute che interessa da vicino principalmente gli adulti con capelli e carnagione chiara, motivo per cui queste condizioni vengono scambiate l’una con l’altra o presentarsi nello stesso momento.

Data l’importanza di questa malattia, oggi cercheremo di approfondire le nostre conoscenze sulla dermatite seborroica: cos’è, rimedi, cause e sintomi.

Dermatite seborroica: cos’è?

È una condizione molto comune che interessa principalmente la zona del cuoio capelluto e non solo. La dermatite seborroica, come d’altronde gli altri tipi di dermatite, si caratterizza per uno stato infiammatorio e per l’arrossamento della parte interessata, il tutto accompagnato da uno sgradevole prurito.

Il termine seborrea indica un’eccessiva secrezione delle ghiandole sebacee che, con la sua iperfunzionalità porta ad una maggiore produzione del secreto definito anche sebo, dà luogo a vari tipi di dermatosi.

Cause e sintomi della dermatite seborroica

Il fungo, conosciuto come Malassezia furfur (Pityrosporum ovale), generando irritazione a livello cutaneo, è la causa principale della formazione di squame untuose. La dermatite seborroica non consiste in altro che nella perdita di tali squame. Infatti, le cellule assoggettate ad una rapida disgregazione generano queste squame che si presentano in veste di crosticine. Oltre le squame, che spesso sono gialle oltre che untuose, si associano altri sfoghi cutanei, quali ad esempio l’eritema e la follicolite, ovvero un’infezione acuta che interessa la parte superiore del cosiddetto follicolo pilifero.

La dermatite seborroica non è soltanto una malattia cronica ma anche recidivante. Interessa non soltanto il cuoi capelluto, ma anche altre zone come:

  • Sopracciglia,
  • Orecchie,
  • Zona inguinale e ascellare,
  • Zone in cui vi è un’alta concentrazione di ghiandole sebacee, che per inciso nel nostro corpo si trovano su tutta la superficie cutanea, ad eccezione dei palmi delle mani e delle piante dei piedi.

Non c’è dubbio comunque che il cuoio capelluto sia l’habitat prediletto del fungo, dal momento che l’alterazione del sebo rappresenta il terreno ideale per la sua proliferazione: è l’iperattività delle ghiandole sebacee altera la composizione del loro secreto.
Il fungo Malassezia furfur non crea problemi soltanto agli adulti ma irrita anche la cute dei bambini appena nati, anche se in questo specifico caso viene definita crosta lattea, le cui cause non sono ancora ben chiare.

Fattori di rischio della dermatite seborroica

Come spesso accade anche per le altre dermatiti non vi è certezza sulle sue cause, ad oggi infatti sono molte le possibili cause o comunque i fattori di rischio che possono in qualche modo favorire la comparsa della dermatite. Tra le principali ragioni ricordiamo in particolare:

  • La predisposizione genetica,
  • Forme di stress dovute ad una vita frenetica,
  • Sbalzi d’umore,
  • Sbalzi ormonali,
  • Uso di ormoni corticoidi,
  • Disfunzioni del sistema immunitario,
  • Fattori climatici come un eccessivo caldo o umidità,
  • Scarsa igiene personale,
  • Uso di agenti irritanti per l’igiene,
  • Anche la tricotillomania, ovvero il toccarsi sempre i capelli, così come un eccessivo ricorso alla piastra potrebbero agevolare l’insorgere della dermatite seborroica,
  •  Spazzolarsi spessissimo i capelli.

È opportuno sottolineare che nel cado di dermatite seborroica le ghiandole sebacee non accrescono di numero, ma sottostanno ad un’alterazione della riproduzione sebacea, che risulta essere sovrabbondante, e della composizione stessa del sebo, che irrita il cuoio capelluto o comunque la zona interessata. Questo fa sì che i capelli perdano il loro naturale splendore, la loro lucentezza, lasciandoli crespi e molto unti.

Incidenza della dermatite seborroica

Molto diffusa tra gli adolescenti, interessa infatti il 3-5%, la dermatite seborroica quando compare sia nei bambini che negli adolescenti, è possibile che si presenti anche in età adulta.

Rimedi e cure della dermatite seborroica

Per curare la dermatite seborroica vi sono dei prodotti specifici per capelli, che inibiscono la riproduzione e la crescita del fungo Malassezia furfur. Prodotti per lo shampoo, contenenti principi attivi ottimi per lenire l’infiammazione della zona interessata, si trovano facilmente in commercio. In alcuni casi è opportuno ricorrere anche a farmaci come ad esempio gli idrocortisonici.

La dermatite seborroica spesso, purtroppo, si accompagna alla caduta dei capelli: motivo per cui è necessario usare delle lozioni ad hoc che contrastino la miniaturizzazione dei follicoli. È l’eccessiva produzione che, premendo il bulbo pilifero, di conseguenza il capello cade.

Alopecia o dermatite seborroica?

È importante non confondere la caduta del capello legata alla dermatite seborroica con l’alopecia androgenetica, dal momento che la caduta è dovuta allo stress ossidativo a cui il bulbo pilifero è assoggettato. Ricorda che anche in questo caso, l’alimentazione svolge un ruolo importante, riuscendo a ristabilire la condizione preesistente.

About Author