Come fare un massaggio rassodante

0

Cosa c’è di più bello che farsi fare un bel massaggio? Ve ne sono di diverse tipologie, ognuna con un particolare scopo: c’è quello terapeutico, quello estetico o rilassante. Grande importanza ricopre ancora il massaggio rassodante, indispensabile non solo per conservare al meglio la propria forma fisica, se si è raggiunto l’obiettivo che si desidera, ma soprattutto per intervenire su tutte quelle pari o situazioni di pura atonia, causate spesso da variazioni di peso, da una gravidanza etc.

Chiaramente per tale trattamento non possiamo che consigliarvi mani esperte e quindi professionisti nel settore, ma una volta carpite le tecniche di base nulla ti vieta di praticare il massaggio da sola o facendoti coccolare da qualcuno, ottenendo in questo caso un risparmio considerevole. Vediamo allora nel dettaglio come fare un massaggio rassodante.

Le fasi di un massaggio rassodante

Inizia il massaggio con la tecnica del “pizzicotto”, indicata sia per rassodare la pelle sia per agevolare la perdita di liquidi in eccesso. Per effettuarla basta prendere tra le dita una porzione di pelle e pizzicarla con una pressione moderata, tirandola leggermente al contempo. Fatto ciò puoi anche rilasciare il cuscinetto su cui appena effettuato il trattamento.

A questo punto puoi continuare lungo tutta la parte interessata avanzando con movimenti veloci e fluidi. Se in alcuni punti del corpo è presente anche della cellulite è opportuno massaggiare la parte in questione con movimenti circolari, procedendo dal basso verso l’alto. Se ad esempio il tuo massaggio inizia dalla caviglia, questo procederà piano piano fino alla coscia e non al contrario.

Un’altra tipologia di massaggio è quella che viene definita “a tamburo”, atta a riossigenare i tessuti e a rigenerarli. In questo caso particolare si procede mettendo le mani in posizione concava, e picchiettando con una certa rapidità le zone interessate al trattamento. Ricorda che il massaggio si dirada sempre dall’estremità della parte da trattare e continua verso il cuore.

A differenza di altri massaggi, ad esempio quello linfodrenante, per fare un buon massaggio rassodante è indispensabile abbinare all’azione delle mani anche l’utilizzo di una buona crema o di un olio rassodante, contenenti ingredienti attivi atti per raggiungere lo scopo prefissato, facilitando il massaggio rendendolo più scorrevole.

Ricorda, inoltre, che per ottenere dei buoni risultati duraturi nel tempo la costanza è la tua arma migliore. Diviene allora fondamentale, per raggiunge i risultati prefissati, massaggiare la zona che più ti interessa attenzionare almeno tre volte alla settimana. Se a questo aggiungi un corretto stile di vita e una sana alimentazione, il tuo corpo non potrà che essertene grato.

About Author

Leave A Reply