Transaminasi Alte: Come abbassarle in modo corretto

0

Dopo la pelle, il fegato è l’organo più grande del corpo umano ed è responsabile del metabolismo del cibo e dell’eliminazione delle tossine.

Se nella maggior parte dei casi un danno epatico lieve o moderato non presenta particolari sintomi, un significativo aumento degli enzimi epatici  – le transaminasi o aminotransferasi – rilevabile attraverso un esame del sangue, è spesso motivo di preoccupazione ed, evidentemente, non deve essere in nessun modo sottovalutato.
In circostanze normali, questi enzimi risiedono all’interno delle cellule del fegato ma, quando l’organo è danneggiato, tendono a riversarsi nel flusso sanguigno, aumentando i livelli di enzimi nel sangue e danneggiando il fegato.  La steatosi epatica, l’epatite e la cirrosi si caratterizzano per un elevato livello di transaminasi.

Anche se un protocollo di trattamento per ridurre tali valori dipenderà essenzialmente dai fattori scatenanti (tra questa anche l’abuso di farmaci, l’obesità, e certe malattie croniche), una dieta corretta e uno stile di vita sano, possono incidere in maniera significativa sulla normalizzazione dei livelli di transaminasi. A meno che non sei già diventato un vegano, ti consiglio di leggere attentamente i consigli che sto per darti.

Ed è proprio da qui che si deve iniziare! Ridurre le transaminasi alte: l’importanza dello stile di vita

1. Eliminare tutte le bevande alcoliche e smettere di prendere qualsiasi farmaco non prescritto dal medico. L’uso frequente di farmaci antidolorifici come l’aspirina ,l’ibuprofene o il diclofenac, di antibiotici, di medicinali che abbassano il colesterolo (come le “statine”), o di  antidepressivi, può  compromettere o aggravare la condizione del fegato

2. Seguire una dieta biologica, per quanto possibile. Eliminare gli zuccheri raffinati e i cibi preparati, limitare l’assunzione di proteine di origine animale e privilegiare ​carne magra , pesce, pollame e latticini più facilmente digeribili . Uova e formaggi devono essere consumati con moderazione . Limitare i cibi ristorante , che tendono anche ad essere fonti nascoste di grandi quantità di grasso .È necessario includere una varietà di cereali integrali , frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi  in quanto ricchi di vitamine e antiossidanti e povera di grassi . Bacche, verdure a foglia verde , piselli, patate , arance e fagioli sono ottime fonti di fibre, che contribuiscono a normalizzare gli enzimi epatici .

3. Evitare le tossine ambientali  (fumo di sigaretta,  vapori di vernici e altri prodotti chimici caustici), utilizzare detergenti naturali e prodotti per la cura del corpo che non contengono additivi chimici .

4. Integrare la dieta con acidi grassi omega-3. L’olio di pesce e l’olio di semi di lino aiutano ad abbassare i livelli di trigliceridi e possono migliorare la funzione epatica .

5. La vitamina A è utile nella protezione del fegato ( verdure a foglia verde e succo di carota contengono carotene), mentre lo zinco costruisce resistenza a molti dei disturbi epatici .

6. Praticare un regolare esercizio fisico, come camminare a ritmo sostenuto o una corsetta di 30 minuti ogni giorno, può aiutare ad abbassare i valori di transaminasi . Se siete in sovrappeso, è opportuno modificar il proprio piano alimentare e seguire una dieta ipocalorica per  perdere i chili in eccesso  – questo non solo contribuirà ad ridurre gli enzimi epatici , ma apporterà benefici alla salute del corpo . [ads2]

7. Consultare un dietista o un nutrizionista e sviluppare un piano alimentare che migliora la salute e la funzionalità del fegato. In casi, considerate la possibilità di assumere integratori come la vitamina B -12 e il Coenzima Q10 , che possono aiutare a ricostruire le cellule del fegato .

8. Per ridurre il livello delle transaminasi,  astenersi o limitare l’assunzione di alcol , bere molta acqua (almeno 8 bicchieri al giorno) per eliminare le tossine che potrebbero compromettere o inibire le normali funzionalità del fegato e depurare l’organismo.

Abbassare le transaminasi con i rimedi naturali

Il cardo mariano, noto anche come Silybum Marianum o cardo santo  dal nome del liquido bianco lattiginoso che fuoriesce dalle foglie quando schiacciate, è utilizzato da oltre 2.000 per migliorare  e normalizzare la funzionalità del fegato e della cistifellea, contribuendo a proteggere le cellule di tali organi dai danni provocati dalle tossine ambientali.

Il principio attivo del cardo mariano , che si ritiene possa contribuire a mantenere in buona salute il fegato, è conosciuto come silimarina, dalle proprietà antiossidanti in grado.

Per la pulizia del fegato e la disintossicazione si può bere succo di barbabietola ogni giorno, o consumare regolarmente del sedano, dalle benefiche proprietà depurative. La liquirizia aiuta invece  a inibire le lesioni delle cellule del fegato, provocate dalle sostanze chimiche, mentre la curcuma è un ottimo agente protettivo per il fegato. Infine, una deliziosa tisana di rosmarino aiuterà a stimolare un fegato pigro.

L’uso (e l’efficacia) dei rimedi casalinghi dipenderà essenzialmente dalle cause che hanno determinato un innalzamento dei livelli di transaminasi. In caso di epatite virale acuta (più comune), si rivela efficace bere succo di canna da zucchero e glucosio in polvere, che aiuta a promuovere la salute generale dando nutrimento (nei pazienti diabetici è consigliabile  un bicchiere di acqua d’orzo almeno 2-3 volte al giorno), e succo di neem mescolato con miele.

Nel caso di cirrosi epatica, due cucchiaini di succo di limone fresco mescolato con un cucchiaino di succo di cipolla , una volta al giorno al mattino per due mesi è un vero toccasana. Fa che il cibo sia la tua medicina

Molte malattie possono essere affrontate e talvolta superate attraverso un’adeguata alimentazione, che preveda l’assunzione di cibi dalle proprietà medicinali e curative.

Le abitudini culinarie influiscono in modo significativo sull’incidenza di malattie. Alcuni alimenti tipici della tradizione mediterranea, come l’olio d’oliva, i pomodori e i legumi, hanno una funzione protettiva, soprattutto a livello cardiovascolare, mentre broccoli e altri ortaggi della famiglia delle crocifere sono noti per ridurre il rischio di cancro intestinale.

In particolare i broccoli conterrebbero una sostanza fito-chimica chiamata sulforafano che accelera il processo di disintossicazione nel fegato. Nel mondo frenetico di oggi siamo costretti a condurre una vita spesso irregolare e poco sana, che si traduce in un costane accumulo di tossine nel corpo.

Quali rimedi per disintossicarsi? Spremute di frutta come mela, sedano , uva , barbabietole , carote, cetrioli, pomodori , e papaia , da aggiungere ogni giorno alla dieta, aiutano molto a migliorare il sistema di difesa del fegato. Ecco una deliziosa ricetta senza conservanti a basa di frutta fresca, verdura, e una piccola quantità di olio di semi di lino e polvere di cumino che forniscono al fegato le vitamine necessarie che aiutano a eliminare le tossine dal fegato . Ingredienti

  • 125 g di cavolo fresco
  • 1 limone fresco
  • 25 g di sedano
  • 1 pera fresca
  • 1 cucchiaino di radice di zenzero
  • 500 ml di acqua filtrata
  • 4-5 foglie di menta fresca

Preparazione Mettere la pera, i cavoli, il sedano e lo zenzero in un frullatore, insieme ad una tazza di acqua, e frullare per 1 minuto . Aggiungere il succo di limone fresco al succo mescolato e versare in un bicchiere. Ottimo servito freddo, con una decorazione di foglie di menta .

Questa ricetta è la miscela di frutta fresca e verdura dal sapore unico che aiuta l’eliminazione delle tossine dal corpo. Cavoli, pere e sedano sono i migliori agenti disintossicanti del fegato!  Avete voglia di provarla? Trovare gli ingredienti è facile e il gusto vi lascerà piacevolmente colpiti!

Share.

About Author

Leave A Reply