Assegno circolare: Cosa è, come si usa e perché

0
137
assegno circolare

L’assegno circolare è per definizione un titolo di credito all’ordine in quanto viene emesso “per ordine”, ossia su richiesta specifica di un correntista, direttamente dalla banca sulla base di fondi effettivamente disponibili al momento dell’emissione.

La caratteristica principale dell’assegno circolare è proprio la certezza della sua copertura in quanto, al momento dell’emissione, la banca ha due opzioni:

  • prelevare contestualmente l’importo dell’assegno dal conto corrente del richiedente (se si è correntisti)
  • il richiedente corrisponde in contanti l’importo dell’assegno (quindi è possibile effettuare questa operazione pur non essendo correntisti dell’istituto di credito emittente)

Assegno circolare: la moneta contante

La prima reazione di chi riceve un assegno, in genere, è la paura che possa non contenere sul serio la cifra accuratamente scritta su di esso. Effettivamente non è difficile immaginare che si faccia fatica a riconoscere in un “pezzo di carta” un valore.

L’assegno circolare, invece, è un titolo liquido a tutti gli effetti perchè, come sopra specificato, la sua emissione e la sua copertura in denaro avvengono nel medesimo momento e, per questo, è chiamato volgarmente “moneta contante”.

Proprio per questo motivo, l’assegno circolare è il titolo di credito più sicuro in assoluto e, infatti, il più usato per transazioni importanti come l’acquisto di immobili, ad esempio.

Validità dell’assegno circolare

La validità di un assegno circolare è strettamente legata ad alcuni elementi che devono essere riportati sul titolo stesso e che lo caratterizzano:

  • la natura dell’assegno circolare dev’essere espressamente dichiarata
  • deve essere indicato in modo chiaro il nome e il cognome del beneficiario, in caso di privato, la ragione sociale scritta per intero in caso di società
  • luogo e data di emissione
  • deve essere chiaramente indicata la promessa dell’istituto bancario di pagare “a vista” una certa somma al beneficiario
  • un assegno circolare è anche facilmente riconoscibile dalla presenza di cifre perforabili che hanno lo scopo di non alterare il titolo e quindi a garanzia di sicurezza
  • di norma questo titolo non è trasferibile ma, pagando una marca da bollo da € 1,50 ed entro un limite massimo di € 1000,00 l’assegno circolare può essere emesso come trasferibile.

Assegno circolare: come si richiede

Per la richiesta dell’assegno circolare basterà recarsi presso un istituto di credito autorizzato dal CICR, Comitato interministeriale per il credito ed il risparmio, o presso gli sportelli di Poste Italiane Spa che , ormai, da anni emettono assegni circolari come quelli bancari.

Rilascio dell’assegno circolare

Il rilascio del titolo è strettamente legato, come già ampiamente spiegato, alla copertura immediata dello stesso. Pertanto, nel momento in cui si fa richiesta di un assegno circolare, si provvede alla copertura dello stesso con denaro contante o prelievo su c/c e l’istituto di credito rilascerà l’assegno circolare.

Incasso dell’assegno circolare

L’assegno circolare deve essere incassato dal beneficiario entro 30 giorni dalla data di emissione dello stesso presso qualsiasi sportello bancario. Dopo questo periodo il titolo resta incassabile per 3 anni dalla data di emissione ma con molti strumenti di tutela decaduti. Dopo i 3 anni l’assegno mai riscosso sarà in automatico versato nel Fondo deposito dormienti.

Nel caso in cui, invece, l’assegno circolare emesso dall’istituto di credito non risulta mai utilizzato dal richiedente sarà rimborsabile per i successivi 10 anni dalla data di emissione.

Per l’incasso dell’assegno, il beneficiario, dovrà esibire un valido documento di riconoscimento e, nel caso in cui si rende necessario delegare l’incasso a terzi, sarà necessario un vero e proprio atto notarile.

Nel caso in cui il titolo è incassato mediante il versamento su c/c, la somma sarà effettivamente a disposizione del beneficiario entro 4 giorni lavorativi successivi al versamento.

L’assegno circolare è denaro a tutti gli effetti e come tale va usato quindi, attenzione!

Ti è mai stato richiesto un assegno circolare? Hai avuto difficoltà nel richiederlo?

SHARE